ESCO D’INVERNO. Il 5 marzo al cinema De Seta per Esco d’inverno, il pluripremiato Sole Alto, fra i vincitori di Cannes 2015

Domenica 5 marzo, alle 20.30, al Cinema De Seta di Palermo, terzo appuntamento con Esco d’inverno, la rassegna cinematografica organizzata dall’associazione culturale SudTitles, in collaborazione con il Festival dei Popoli di Firenze. Apre la serata la proiezione del cortometraggio Der Zuhälter und seine Trophäen dell’austriaca Antoinette Zwirchmayr e, a seguire, Sole Alto del regista croato Dalibor Matanić, vincitore a Cannes 2015 del premio della Giuria nella sezione Un Certain Regard.

Sole Alto (Croazia, Serbia, Slovenia 2015, 123’) del regista Dalibor Matanić porta sul grande schermo il conflitto serbo-croato, raccontandolo attraverso tre episodi che, ambientati in tre decenni successivi, hanno sempre al loro centro le storie d’amore, per lo più impossibile, fra un ragazzo croato e una ragazza serba. Una sorprendente riflessione sulla natura umana che racconta l’ex Jugoslavia per raccontare il mondo e che, senza  mai cadere nella retorica, racconta il dolore per raccontare la speranza. La proiezione di Sole Alto sarà preceduta da quella del corto Der Zuhälter und seine Trophäen (Austria 2014, 22’) nel quale una donna racconta la propria infanzia non convenzionale vissuta da nipote di uno dei più potenti magnaccia di Salisburgo, in mezzo al via vai di prostitute, clienti e sfruttatori. Intanto la macchina da presa esplora l’interno di un club a luci rosse, le stanze e i saloni deserti, gli ambienti goffamente lussuosi di un locale notturno ormai vuoto.

Esco d’inverno proseguirà fino al mese di maggio col seguente programma.

(ad apertura di ogni serata sarà proiettato un cortometraggio proveniente dalle passate edizioni del Festival dei Popoli)

17 marzo 2017

Ozoners di Jean-Jacques Martinod, Kyle Bell – USA 2015 (19’)

Orecchie di Alessandro Aronadio – Italia 2016 (90’)

 

6 aprile 2017

Onder Ons di Guido Hendrikx – Paesi Bassi 2015 (24′)

Tarda primavera di Yasujiro Ozu – Giappone 1949 (109’)

 

27 aprile 2017

Seat 26d di Karolina Brobäck – Svezia 2014 (14′)

Tokyo Love Hotel di Hiroki Ryuichi – Giappone 2014 (135’)

 

5 maggio 2017

Savupiippu di Jani Peltonen – Finlandia 2014 (24′)

Lettera a tre mogli di Joseph Mankievicz – USA 1949 (103’)

Tutti i film in programmazione saranno proiettati in versione originale con sottotitoli in italiano.

Eleonora Giammanco

Condividi