Manutenzioni. Giunta approva accordo quadro per 40 milioni in 4 anni

La Giunta Comunale ha approvato nell’ultima seduta  lo schema di Accordo Quadro per “Lavori di manutenzione e di pronto intervento e per i servizi annessi, negli immobili di competenza del Comune di Palermo”.
L’Accordo Quadro è inserito nel Piano triennale delle Opere pubbliche 2018-2020.

L’atto della Giunta permetterà di avviare le procedure di gara per l’individuazione delle ditte che saranno incaricate dei lavori per un periodo di 4 anni, con un costo complessivo, diviso in 5 lotti, di 40
milioni di euro.

In particolare, la gara, che sarà svolta dall’UREGA, sarà divisa nei seguenti lotti:

–        Edilizia pubblica (Uffici, impianti produttivi, impianti cimiteriali e sportivi)
–        Città Storica (monumenti ed edifici storici)
–        Edilizia scolastica (scuole di pertinenza comunale) – Zona Sud della città
–        Edilizia scolastica (scuole di pertinenza comunale) – Zona Nord della città
–        Edilizia residenziale pubblica (tutta la città)

Per ciascun lotto vi saranno circa 5,75 milioni per lavori e 2,25 milioni a disposizione dell’Amministrazione.

Gli interventi previsti sono quelli di recupero, completamento e manutenzione degli immobili, anche con servizi di pronto intervento come quello già oggi in essere per le scuole cittadine.

“Questo provvedimento – spiega l’assessore Emilio Arcuri i cui uffici hanno curato la stesura della delibera – servirà ad avviare subito la procedura per l’attivazione di un nuovo Accordo quadro, visto che il precedente è in scadenza al 31 dicembre. Ovviamente l’operatività
effettiva dell’Accordo dipenderà dalla effettiva disponibilità di risorse che il Consiglio Comunale destinerà a questi interventi in fase di redazione dei prossimi bilanci di previsione annuali e
pluriennali, ma con questo provvedimento la Giunta si è dotata di uno strumento che è allo stesso tempo operativo per l’espletamento dellegare e di programmazione della spesa nell’individuare la stima un fabbisogno per questi interventi”.

Condividi