SCUOLA 2. aperti i nidi. 20% di posti in più. Orlando “Città educativa ed accogliente con la scuola al centro”

Si è aperto, con l’accoglienza dei primi bambini, l’anno scolastico dei nidi comunali e convenzionati di Palermo.
Entro poche settimane, con l’avvio dell’attività di tutte le strutture, saranno complessivamente circa 1.200 i bambini che troveranno accoglienza nei diversi servizi, con un incremento di 200 posti rispetto allo scorso anno.
A questi si aggiungono altri 1.025 bambini che, dal 12 settembre, saranno accolti nelle 48 sezioni di scuola dell’infanzia.
Circa 160 bambini saranno ospitati in 8 nidi privati che hanno superato la fase di accreditamento e verifica qualitativa dei servizi e in 7 strutture comunali, Spazi-gioco affidati a terzi.
Uno degli spazi gioco, quello di via Fileti, svolgerà attività antimeridiane e pomeridiane, mentre le altre strutture opereranno esclusivamente di mattina.
36 bambini infine saranno ospitati in Centri per Bambini e Famiglie, di cui uno a gestione diretta comunale e uno affidato a terzi.

Si dice “soddisfatta” l’Assessora Marano che sottolinea come “la quantità e qualità dei servizi offerti aumenta, grazie ad un accurato lavoro condotto negli anni con la programmazione dei fondi PAC – Piano di Azione e Coesione, con un arricchimento dell’offerta educativa rivolta ai più piccoli e la costruzione di un sistema integrato di nidi comunali e accreditati, in una efficace sinergia fra pubblico e privato.”

Per il Sindaco Leoluca Orlando, “l’inversione di tendenza con l’aumento dei posti disponibili mostra da un lato come le soluzioni ai problemi richiedono tempo, programmazione e attenta ricerca delle risorse, e dall’altro dimostra come sia fondamentale a Palermo dare spazio alla sinergia e alla collaborazione fra pubblico e privato. Un ringraziamento particolare va rivolto a tutto il personale comunale sia dell’area della scuola sia dell’area delle manutenzioni, perché è evidente che se oggi possiamo ospitare più bambini in strutture più sicure che in passato lo si deve all’impegno corale di questi dipendenti e di chi ne ha coordinato il lavoro.
La scuola e i processi educativi
– conclude Orlando – si confermano al centro di Palermo città

Condividi