Browsing: Palermo News

La Protezione Civile Regionale ha diffuso un avviso per rischio meteo-idrogeologico e idraulico, valido dalle ore 16.00 di oggi, 9 novembre, alle ore 24 di domani, 10 novembre 2018. Per la giornata di domani è previsto un livello di allerta ARANCIONE. In particolare, si legge nell’avviso n.18313, “DALLE PRIME ORE DI DOMANI, SABATO 10 NOVEMBRE 2018, E PER LE SUCCESSIVE 24-30 ORE, SI PREVEDONO PRECIPITAZIONI, ANCHE A CARATTERE DI ROVESCIO O TEMPORALE, IN PARTICOLARE SUI SETTORI OCCIDENTALI E MERIDIONALI. I FENOMENI SARANNO ACCOMPAGNATI DA ROVESCI DI FORTE INTENSITÀ, FREQUENTE ATTIVITÀ ELETTRICA E FORTI RAFFICHE DI VENTO”. 

L’Amap informa che, i valori di torbidità delle acque, prelevate dall’invaso Poma, sono rientrati nella norma. Tuttavia, a causa di una perdita attivatasi da ieri nell’adduttore Jato, nel territorio comunale di Terrasini, le portate trattate al potabilizzatore Cicala e immesse nello stesso acquedotto, vengono mantenute ridotte, rispetto alla potenzialità massima. La situazione è costantemente monitorata dai tecnici Amap, dalla Protezione Civile e dal Comune di Terrasini. Sono state comunque ripristinate le consegne a tutti i comuni e alle utenze della fascia costiera occidentale – da Balestrate a Isola delle Femmine – e alla zona nord della Città di Palermo. Rimangono…

Il Sindaco Leoluca Orlando ha dato mandato all’AMAP di offrire alla Regione ogni necessario supporto perché nei tempi più brevi possibili si possa arrivare alla realizzazione della nuova condotta idrica di Scillato, “permettendo così di evitare che si continuino a disperdere milioni di litri d’acqua”. In particolare, il Sindaco ha inviato l’azienda a mettere a disposizione della struttura regionale del Commissario per l’emergenza idrica il proprio personale, fondi e progetti. Attualmente, infatti, l’acqua della sorgente madonita è utilizzata solo in minima parte (circa 450-500 litri al secondo, a fronte di una portata media di 650, con punte di 1.100), grazie…

Il 10 novembre 60 città chiederanno il ritiro del DDL n. 735 – DDL Pillon. NO alla mediazione obbligatoria; NO all’imposizione forzata di tempi paritari e alla doppia domiciliazione/residenza dei minori; NO al mantenimento diretto che penalizza l’interesse delle/i figlie/i di conservare il tenore di vita equilibrato ed omogeneo con entrambi i genitori; NO al piano genitoriale obbligatorio che non tiene conto degli interessi e dei desideri dei figli e delle figlie; NO all’introduzione del concetto di alienazione parentale. Sono questi i 5 NO che verranno ribaditi in 60 piazze italiane il 10 novembre in una mobilitazione che fa seguito…

Amap informa che dalla serata di ieri 7 novembre è stato ripristinato il funzionamento parziale dell’acquedotto Jato. Dopo avere effettuato i necessari controlli di qualità, è stata immediatamente ripristinata la fornitura per l’Aeroporto Falcone – Borsellino, mentre nelle prossime ore saranno ripristinate, in misura ridotta, le consegne per i comuni di Capaci, Isola delle Femmine e Palermo. E’ prevista per la tarda serata odierna l’entrata a pieno regime dell’acquedotto Jato, a seguito della quale, saranno progressivamente riattivate le consegne ai rimanenti comuni della fascia costiera Ovest: Balestrate, Trappeto, Cinisi, Terrasini, Carini. Non si rilevano variazioni sulle condizioni di elevata torbidità…

Dalla serata di ieri 6 novembre è stato riattivato il prelievo delle acque dall’invaso Poma e conseguentemente si è proceduto al ripristino funzionale, a regime ridotto, del potabilizzatore Cicala di Partinico, riavviando i processi di trattamento, la cui ultimazione è prevista nell’arco della giornata odierna. Ultimato il trattamento di potabilizzazione, si procederà alla graduale immissione delle acque nell’adduttore Jato fino al raggiungimento dei serbatoi a servizio della zona Nord della città di Palermo. Effettuati i necessari controlli di qualità, verranno gradualmente riattivate le consegne ai Comuni della fascia costiera occidentale (Balestrate, Trappeto, Cinisi, Terrasini Aeroporto Falcone e Borsellino, Carini, Capaci,…

I tecnici dell’AMAP presenti sul posto, hann comunicato che i prelievi di acqua effettuati poco fa alla diga Poma mostrano una consistente riduzione della torbidità, scesa sotto i 500 NTU (aveva raggiunto i 150.000 nei giorni scorsi). A breve riprenderà quindi il trattamento di potabilizzazione dell’acqua di quell’invaso che sarà poi immesa nell’acquedotto che serve i comuni della fascia costiera e la zona nord della città di Palermo. E’ previsto che l’acqua potabilizzata arrivi in città non prima di 24 ore, dopo aver riempito le condotte e i serbatoi collocati lungo il percorso. Resta al momento impossibile il prelievo dell’acqua…

Tutti gli ospedali cittadini sono regolarmente riforniti di acqua potabile. Lì dove non sono sufficienti le riserve proprie, AMAP sta garantendo approvvigionamento tramite autobotti. “La chiusura delle scuole, così come deciso oggi in Prefettura – afferma il Sindaco – serve anche a ridurre temporaneamente il prelievo dalla rete, proprio per favorire una maggiore disponibilità di acqua per tutti i siti sensibili, soprattutto gli ospedali, in questo momento difficile.” Orlando esprime anche “un profondo ringraziamento per tutti i lavoratori e la dirigenza della nostra azienda AMAP. Avere la gestione pubblica dell’acqua vuol dire proprio questo: massimo impegno e dedizione per dare…

Il 7 novembre le scuole di ogni ordine e grado a Palermo saranno chiuse. Lo ha deciso il Sindaco dopo aver ricevuto la relazione dell’AMAP che conferma la criticità della situazione legata alla impossibilità di utilizzare l’acqua dei principali invasi in quanto troppo torbida. Al momento l’acqua immessa in città proviene dal lago di Piana degli Albanesi, dalla sorgente di Scillato e da alcuni pozzi, per un totale di circa 1.500 litri al secondo. Meno della metà di quanto immesso normalmente. I tecnici del servizio dighe della Regione hanno effettuato operazioni di svasamento del fango dagli invasi Poma e Rosamarina.…

“Lo sblocco formale dei lavori di ampliamento della VI vasca è un fatto importante. Occorre ora recuperare il tempo perduto e siamo certi che RAP lo farà nel migliore dei modi, continuando, come fatto in questi ultimi anni, ad adottare ogni accorgimento tecnico utile per il rispetto dei parametri ambientali. Occorre ora accelerare su tutti gli altri fronti aperti che riguardano i rifiuti a Palermo e Bellolampo: la realizzazione della VII vasca, l’aumento della differenziata, l’individuazione certa di responsabilità e risorse per la gestione delle vasche esaurite. Nell’auspicio che questo avvenga con assunzioni di responsabilità solidale e nella logica unica…

1 2 3 48