Regione approva progetto VII vasca Bellolampo

E’ stata rilasciata il 24 giugno, al termine di una conferenza di servizio presso il Dipartimento regionale Lavori Pubblici, l’Autorizzazione del progetto definitivo della settima vasca della discarica di Bellolampo, ossia l’Autorizzazione Integrata Ambientale e l’approvazione della commissione Regionale dei lavori pubblici  presso il dipartimento regionale tecnico di via Leonardo da Vinci.

Si potrà pertanto da subito, a cura del DRAR (Dipartimento Acqua e Rifiuti) della Regione, procedere alla gara ad evidenza pubblica necessaria per l’affidamento del servizio di progettazione esecutiva e quindi al successivo avvio dei lavori.

Presenti stamane alla conferenza dei servizi: i dirigenti generali dei dipartimenti regionali Tecnico, Ufficio Legislativo e Legale, Acqua e Rifiuti , Infrastrutture della mobilità e dei trasporti, i responsabili del procedimento (RP) e il gruppo di progettazione della Rap.
La settima vasca avrà una capienza complessiva di circa un milione di metri cubi e quindi una durata stimata in circa 3-4 anni.
Tale durata potrà ovviamente subire delle oscillazioni anche consistenti in funzione del bacino di utenza servito, ossia quello naturale della città di Palermo o eventuale bacino allargato se dovesse essere deciso dalle competenti autorità. Altro importante elemento che influisce sulla durata è quello della raccolta differenziata, il cui miglioramento allungherà il periodo di utilizzo della discarica.
I tempi perché la settima vasca sia disponibile sono stimati in circa un anno per il primo lotto e ulteriori sei mesi per il secondo lotto, tenuto conto dei tempi di progettazione definitiva e di svolgimento della gara.

“Siamo contenti di questa accelerazione nel procedimento di approvazione per la settima vasca – afferma il sindaco Leoluca Orlando – ed auspichiamo che una analoga accelerazione si abbia per l’altrettanto urgente progetto relativo all’ampliamento della sesta vasca, indispensabile perché la raccolta dei rifiuti a Palermo prosegua senza soluzione di continuità. Speriamo che si possa proseguire finalmente in uno spirito di collaborazione e sinergia istituzionale che è indispensabile per la garanzia dei servizi ai cittadini.”

Condividi